Dai banchi di scuola a MFR17 con la Call for Schools!

  27 giugno 2017  >   Ultime notizie

STUDENTI, WE WANT YOU! ecco la call PER VOI: partecipare e’ semplice, c’è tempo fino al 20 ottobre! 

 

 

 

Vai ancora a scuola ma hai già la stoffa di un maker? Hai in mente qualcosa di veramente creativo e innovativo e ti piacerebbe mostrarlo al pubblico di Maker Faire Rome 2017? Ecco la Call che fa per te! Porta il tuo progetto, al resto pensiamo noi! Ti daremo un tavolo e delle sedie all’interno di uno dei padiglioni della Fiera di Roma che per l’occasione si riempirà di visitatori, curiosi, makers provenienti da tutto il mondo per conoscere te.

La Call for Schools è aperta agli istituti scolastici di secondo grado nazionali e appartenenti ai Paesi dell’Unione Europea. 
Una giuria selezionerà i progetti più innovativi che verranno ospitati nel corso di Maker Faire Rome 2017 all’interno di un’area dedicata interamente alle scuole.

La partecipazione è gratuita. Ci aspettiamo creatività, passione, ingegno e inventiva e… il tuo progetto creato sui banchi di scuola! 

Ma non è tutto: partecipare a Maker Faire Rome vuole dire tanta visibilità, tanti contatti e tanto divertimento. Tutti i progetti partecipanti saranno infatti valorizzati sul sito web della Manifestazione e il nostro press & media team li farà conoscere a giornali, radio e televisioni nazionali ed internazionali.

A questo punto non ti resta che leggere il regolamento e presentare la tua candidatura alla Call for Schools. C’è tempo fino al 20 ottobre per partecipare:save the date!


Partecipare a Maker Faire Rome vale per Alternanza scuola/lavoro 

La partecipazione potrà costituire un momento di verifica della svolta culturale, organizzativa e didattica con particolare riferimento agli aspetti di raccordo tra istruzione e mondo del lavoro, quali l’alternanza scuola lavoro e il raccordo con il Piano nazionale Industria 4.0, che forniscono agli studenti opportunità di formazione strutturalmente integrate.


La Call for Schools è organizzata da Innova Camera in collaborazione con il MIUR

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Pin on PinterestShare on LinkedInShare on Tumblr