Food Area: da Sara Roversi spoilers #MFR17!

  17 novembre 2017  >   Protagonisti · Ultime notizie

Food Area. Sara Roversi, Founder di Future Food, ci racconta come sara’ l’area dedicata ai cibo del futuro a #mfr17. Siete Pronti per un viaggio che attraversa l’intera filiera del cibo?

Food e le innovazioni che vi ruotano attorno sono uno dei temi più attesi dal pubblico di #MFR17 pertanto intervistiamo Sara Roversi per qualche anticipazione su cosa troverete.

 

Food
Food Edible Growth, la sfera ripiena di funghi di Chloé Rutzerveld, realizzta stampando in 3D un terreno di coltura commestibile

D. Sara, cosa rappresenta Maker Faire Rome per te?

R. E’ uno dei momenti più importanti dell’anno per la Food Makers Community mondial. In momento di festa, MFR17 è una grande casa per gli  d’innovatori e le innovatrici da tutto il mondo.

Con noi ci sarà anche Chiara Cecchini, editor della rassegna Edible Innovation di Make Magazine e Project Manager dell’area Food di due tra le più importanti Maker Faire al Mondo: la World Maker Faire di New York e la Maker Faire Bay Area in California.

Avremo poi Chloe Rutzerveld, giovane talento, food designer e maker pionieristica che con le immagini del suo Edible Growth, la sfera ripiena di funghi, creata stampando in 3D un terreno di coltura commestibile, ha fatto il giro del mondo!

E sempre dall’Olanda, paese ricchissimo di innovazioni nel settore AgriFood, Marie Caye, founder di SAM, una macchina che tramite un software  produce e serve da sola soda di kefir (e presto Kombucha).

 

D. Nella scorsa edizione il Future Food ci ha mostrato davvero di tutto, dal cibo degli astronauti al burger alle alghe passando per i cocktail stampati in 3D. Cosa ci aspetta quest’anno?

R. Quest’anno faremo un viaggio lungo la catena alimentare centrato sull’essere: “Food Maker”. Il Food Maker è il protagonista dell’intero ciclo alimentare, colui che – con un ruolo estremamente proattivo:

  • coltiva
  • produce
  • trasforma
  • combina
  • scambia
  • consuma
  • ricicla

Con il suo operato e le sue scelte quotidiane può davvero generare un impatto sull’intera comunità.

L’area  Food sarà quindi caratterizzata da attrazioni ed installazioni, workshop e talks; un percorso che porterà il visitatore a vivere i diversi momenti della catena alimentare, proiettandosi nel futuro.

Sarà un’esperienza sensoriale per tutte le etá dato che, dopo il successo della scorsa edizione, torneranno infatti anche i kids lab con la nostra Beatriz Jacoste.

D. Sara quali saranno i temi caldi che le Food Makers dovranno affrontare in questa edizione?

R.  Stanno rivoluzionando il mondo del food in tutte le sue fasi, dalla terra alla tavola.Non stupisce quindi che i temi caldi siano tanti e collegati tra loro seppur molto diversi.

Quest’anno ci troveremo a parlare di  agricoltura digitale, food design, mindful eating, smart kitchen, cibi dai super poteri, e soprattutto, alcune tematiche che impattano quotidianamente sulla vita della comunità saranno trattate con grande attenzione come:

  • la valorizzazione del Food Waste 
  • la Food Safety

Alcuni di questi termini saranno molto familiari per i visitatori, altri meno ma tutto questo contribuirà a rendere l’area dedicata ai food makers una vera scoperta!

D. Parlavi prima di un percorso dedicato all’intera catena alimentare. Come pensate di riprodurre questo processo durante l’evento?

R. L’area espositiva sarà caratterizzata da un percorso attraverso cui il visitatore potrà vivere differenti momenti della catena alimentare.

1- Si partirà dal campo, dove Alex Giordano con il meraviglioso team di Rural Hub, parlerà di agricoltura smart mostrando tecnologie per l’agricoltura del futuro e realizzando workshop.

2- Si arriverà poi alla produzione e al riciclo, passando per la trasformazione e la distribuzione.

In ogni area ci saranno Food Makers che rappresenteranno i principali trend per quello specifico tema. Questi giovani talenti coinvolgeranno il pubblico condividendo il processo di creazione dei loro prodotti e facendoli testare ogni volta in cui sarà possibile.

 

Food
Food PancakeBot stampa i pancake disegnati dai visitatori!

D. Ci puoi dare un’anticipazione di alcuni progetti presenti?

La dottoressa Antonella Leone di Ispa CNR presenta un progetto che riguarda il modo di rendere le meduse commestibil.

  •  Music of the plants, che vuole esprimere l’anima delle piante attraverso la musica. 
  • Waste2Value valore ai rifiuti. L’iniziativa mira alla creazione di un innovativo modello di economia circolare per il recupero degli scarti e rifiuti alimentari all’interno di un Centro Commerciale.

In questo contesto Martina Malucchi e Angelica Trinchera hanno sviluppato: 

  • RECYCLheart l’arte del riciclo “, una piattaforma online che ha l’obiettivo di creare un ponte fra le imprese produttrici di scarti e tutte quelle entità che utilizzano questi ultimi come risorsa primaria per la creazione dei loro prodotti.

Non mancherà un’area showcase. Qui troveremo ad esempio la PancakeBot, che darà la possibilità ai visitatori di presentarsi allo stand con un proprio disegno in 2D e stamparsi un pancake con l’immagina prescelta.

Tra i workshop dedicati ai più piccoli ci sarà invece:

Superfoods for Super Heroes workshop dedicato all’apprendimento della storia dei superfoods e alla realizzazione di nuove combinazioni di gusti attraverso simpatiche avventure culinarie.

Sarà Beatriz Jacoste Lozano la nostra host. 

Le proposte sono davvero tantissime e non vediamo l’ora di mostrarvele tutte!

 

Foos
Food.Beatriz Jacoste Lozano parlerà di superfoods nel workshop “Superfoods for Super Heroes” dedicato ai “piccoli makers”

 

____________________________________________________________________________

Scopri come partecipare a Maker Faire Rome – The European Edition 4.0 QUI trovi tariffe, sconti e agevolazioni!