LSC: I concentratori solari

  2 settembre 2017  >   Accadeva a MFR · Flash · Progetti · Protagonisti

Gli LSC sono concentratori solari luminescenti e rappresentano una valida alternativa ai pannelli tradizionali. Eni e il MIT collaborano per lo sviluppo di questa tecnologia

Per Maker Faire Rome ed Eni le rinnovabili sono il futuro dell’energia, la chiave che aprirà una nuova epoca energetica.

LSC
LSC

Lo scorso anno, dagli studi condotti da Eni riguardanti lo sviluppo della tecnologia OPV, pannelli fotovoltaici realizzati impiegando materiale organico abbiamo è stato lanciato il progetto a tappe  Renewables.

Oggi vi parliamo di un altro progetto che Eni ha in cantiere da qualche tempo.

LSC
LSC

La tecnologia LSC è nota sin dagli anni ’60 ma è stata progressivamente abbandonata a causa della bassa efficienza e delle difficoltà nel produrre coloranti adatti.

Eni, in collaborazione con il Massachusetts Institute of Technology MIT di Boston, ha iniziato da tempo a lavorare su questa tecnologia.

Il progetto è nato e si sviluppa nel “Laboratorio Renewable Energies and Environment” di Novara.

Le applicazioni

Le applicazioni degli LSC sono varie: 

  • pensilline fotovoltaiche: un primo prototipo è stato installato nella sede di Eni a Roma. L’impianto è composto da 192 lastre LSC gialle che coprono una superficie totale di 60 m2 ed è in grado di produrre 500 Wp.
  • Un’altra applicazione molto studiata è quella della Smart Windows.
  • cartelloni pubblicitari auto alimentati, capaci di accendersi di notte impiegando l’energia prodotta durante la giornata.
  • Nel centro di Novara, inoltre, è stata realizzata Demetra, la prima serra fotovoltaica.

L’energia prodotta è impiegata per alimentare il sistema di monitoraggio dell’umidità e della temperatura dell’ambiente

La serra è stata presentata alla Maker Faire di Roma- The European Edition 2016  e potete vederla in questo video 

Per approfondire l’argomento v’invitiamo a leggere l’articolo completo a firma di Nica Conenna Qui