Makerspace, scuole e biblioteche

Spazi interattivi e sempre più tecnologici: la nuova tendenza USA che sta rivoluzionando scuole e biblioteche

I Makerspace si sono sviluppati seguendo le esigenze degli utenti delle biblioteche e hanno ampliato la loro offerta includendo una varietà di formati e servizi che promuovono l’alfabetizzazione digitale e la tecnologia, così come le forme più tradizionali d’informazione.

MA COSA SONO I MAKERSPACE ?

 Sono spazi di apprendimento collaborativo nei quali  gli utenti possono “esplorare” i media tradizionali e digitali, interagire con mentor e colleghi e impegnarsi in progetti creativi. Possono fornire a bibliotecari ed educatori un metodo ideale per permettere agli studenti di sviluppare molte delle informazioni e le competenze digitali e tecnologiche di cui avranno bisogno per avere successo nella società. Infatti,  forniscono agli utenti l’opportunità di sperimentare una varietà di attività in un ambiente hands-on. Molti di essi  incorporano una varietà di tecnologie e attività artigianali e possono includere :

  1. stampanti 3-D, 
  2. arti creative e industriali,
  3. progettazione grafica,
  4. coding

QUALE VANTAGGIO PER LE BIBLIOTECHE?

Per le biblioteche pubbliche, sono un modo per aggiornarsi con le tecnologie in via di sviluppo e coinvolgere gli utenti in modo interattivo. Molte di esse   hanno istituito Makerspace e offrono programmi che promuovono l’impegno, la collaborazione e l’apprendimento cosiddetto hands-on. 

 

Il Makerspace della Public Library di Cincinnati, USA
                                            Il Makerspace della Public Library di Cincinnati, USA

 

COSA ACCADE NEGLI USA?

Recentemente, l’American Library Association ha collaborato con Google per capire come le biblioteche stanno interagendo con i Makerspace. Si è scoperto che le biblioteche hanno usato i loro spazi per offrire una varietà di attività tra le quali anche il coding.

I risultati di questo programma sembrano indicare che questi spazi stanno  consentendo agli utenti di acquisire le competenze necessarie per affrontare le sfide del ventunesimo secolo.

E LE BIBLIOTECHE SCOLASTICHE?

La biblioteche scolastiche non sono da meno. Amministratori scolastici, educatori e bibliotecari hanno lavorato insieme per integrare makerspace in biblioteche scolastiche dall’inizio 2013. La spinta nel miglioramento degli studenti nelle materie STEM ha dimostrato l’efficacia del metodo di apprendimento hands-on. 

Nelle biblioteche scolastiche, i Makerspace offrono l’opportunità ideale per i bibliotecari di collaborare più strettamente con docenti e studenti: sono un pezzo fondamentale nella formazione degli studenti di oggi grazie a didattiche non disponibili in un ambiente d’aula tradizionale .

TAKEAWAY

I bibliotecari in entrambe le tipologie di biblioteche (pubbliche e scolastiche) hanno ormai riconosciuto che i Makerspace sono fondamentali per l’accesso all’alfabetizzazione digitale e tecnologica.

Vuoi approfondire? Leggi qui l’articolo originale di Matthew Lynch apparso su Education Week

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Pin on PinterestShare on LinkedInShare on Tumblr