Meet the Food Makers: altri due progetti di #MFR16!

  26 ottobre 2017  >   Accadeva a MFR · Flash · Progetti

A #MFR16 erano piú di 40 le startup presenti nello stand Food Makers per rappresentare il meglio della Food Innovation: ecco come procedono i progetti del  cibo del futuro

 

I 100 000 visitatori della scorsa edizione hanno potuto assistere alle sperimentazioni più inconsuete from farm to fork fatte da questi giovani talenti provenienti da tutto il mondo. A distanza di un anno abbiamo deciso di incontrarne alcuni per rivivere insieme le emozioni della scorsa edizione e farci raccontare dove sono ora. 4 ragazzi, 4 progetti disruptive divisi in 2 articoli e un’unica grande grandissima voglia di innovare. Dopo il racconto di Wenda e By-Ento eccovi il secondo appuntamento con i nostri Food Makers Champions!

 

Il connubio perfetto tra tradizione e innovazione? E’ quello di MELTZ, brand di cioccolato presentato a #MFR16!
  • Sebastian Melnitzky founder di Meltz

 

Sebastian Melnitzky é il founder di Meltz, un nuovo brand di cioccolato italiano che fa del legame tra tradizione e innovazione il suo punto forte. A #MFR16 ha mostrato Crockabile, una originalissima tavoletta di cioccolato alla nocciola che attraverso la sua forma particolare vuole raccontare proprio questo legame.

D. Ciao Sebastian, ben ritrovato! Come descriveresti la tua esperienza a Maker Faire Rome?

R. Ciao a tutti e grazie per questa intervista! Sono stati tanti i commenti e i feedback ricevuti. In particolare molte donne hanno sostenuto che Crockabile somigliasse a un gioiello e mi hanno chiesto maggiori informazioni sul perché di un design così particolare. Ho spiegato loro che il design doveva ricordare i paesaggi montuosi del Monviso, luogo in cui viene prodotta la nocciola IGP usata per creare il prodotto. Questo mix tra tradizione e innovazione raccontato attraverso la forma di Crockabile ha suscitato in loro ulteriore curiosità e molte lo hanno definito un regalo perfetto. Non mi immaginavo un riscontro così caloroso!

D. In che modo Maker Faire Rome ha aiutato il tuo progetto?

R. A Maker Faire Rome avevo portato i primi 100 esemplari creati con l’utilizzo di stampanti laser e altre metodologie tipiche dei maker. Ho avuto la possibilità di validare il prodotto per la prima volta in un contesto internazionale di così grande respiro. É per questo che ritengo la scorsa edizione di Maker Faire Rome un evento storico per il brand Meltz!

D. Come si é evoluto il tuo progetto a un anno da Maker Faire Rome?

R. Ho testato il mio prodotto nel mercato retail sia in Italia che a Berlino. É stato molto utile vedere come viene percepito in maniera differente in Italia e all’estero. Nell’ultimo anno ho inoltre diversificato l’offerta ed esplorato altre opportunità collegate alla storia e alla tradizioni del mondo della nocciola. Ora Meltz conta cinque prodotti e mi piacerebbe validarli alla Maker Faire Rome di quest’anno!

 

Lia è un automation box che senza bisogno di installazione troppo complicate si adatta a qualunque sistema di orto verticale

 

Ares Ferrigni é co-founder di  Wall Farm, startup che ha realizzato Lia, che sta per Lean Intelligence Agriculture, pensata per essere uno standard di automazione nel vertical farming. Si tratta di un “automation box” che senza bisogno di installazione troppo complicate si adatta a qualunque sistema di orto verticale

D. Ciao Ares! Benvenuto e ben ritrovato. Non è da tutti partecipare a Maker Faire Rome, la più grande fiera europea sull’innovazione. Parlaci un po’ della tua esperienza, siamo curiosissimi di sapere tutto! 

R. Ciao a tutti! Beh, Maker Faire Rome può essere definita come “una finestra di fronte a un pubblico vastissimo”. Spesso le startup hanno l’opportunità di presentare al pubblico la propria idea ma difficilmente in un contesto così grande e dal respiro così internazionale!

D. In cosa ti ha aiutato Maker Faire Rome?

R. Quando eravamo a Maker Faire Rome eravamo nel bel mezzo di un pivot. Siamo passati da un orto verticale da vendere alle abitazioni a un sistema di automazione da vendere alle aziende. A #MFR16 ci siamo confrontati con molte realtà di vertical farming e ci siamo resi conto di quanto questo nuovo sistema fosse la scelta giusta per noi!

D. E’ passato un anno dalla IV edizione Maker Faire Rome: come si é evoluto il tuo progetto in questi 12 mesi?

R. Adesso abbiamo un prodotto pre-industriale sviluppato anche grazie ai feedback ricevuti a Maker Faire Rome. Abbiamo partecipato ad un programma di accelerazione (Startup Bootcamp) e chiuso una partnership importante con un’azienda chiamata Guala Closures. Abbiamo infine una serie di novità che partiranno da qui ai prossimi mesi!

 

Molto più di un orto verticale: ecco Wall Farm!

Quattro testimonianze importanti e quattro progetti che in 12 mesi sono cresciuti, grazie a Maker Faire Rome! Chi saranno i Food Makers dell’edizione 2017? Continuate a seguirci per scoprirlo! Noi vi aspettiamo dall’1 al 3 dicembre alla Fiera di Roma per la V edizione della più grande fiera europea sull’innovazione!


Maker Faire Rome – The European Edition 4.0 (1-3 dicembre, Fiera di Roma) avrà una sezione dedicata al mondo del cibo e agricoltura: l’innovazione nell’alimentazione (cibi, macchine, robotica, metodi di preparazione e conservazione) e nell’agricoltura (agro-tech, innovazione rurale, automazione, monitoraggio). L’Area Food di #MFR17 è realizzata in collaborazione con il Future Food Institute, anima educational di un intero ecosistema – il Future Food –  che fa della food innovation uno strumento chiave per affrontare le grandi sfide del futuro, parlando al mondo ma valorizzando il territorio.