ReMiDi, il guanto musicale da MFR al C.E.S.

Remidi

Remidi trasforma la tua mano in uno strumento musicale per  suonare infinite combinazioni di note e suoni.

Come Re Mida, che trasformava in oro tutto ciò che toccava, Remidi rende musica tutto ciò che esiste nella realtà utilizzando il metodo di comunicazione denominato MIDI (Musical Instrument Digital Interface).

Anche Remidi è passato alla Maker Faire 2016 prima di approdare al CES di Las Vegas!

 

Cos’è Remidi?

Si compone di un bracciale e di un guanto che, una volta indossati e connessi, permettono di suonare utilizzando qualsiasi superficie, il proprio corpo, il movimento nello spazio e di interagire con altri strumenti e persone. 

 

Il guanto è sicuramente la parte più innovativa del prodotto. Composto da lycra e smart-fabrics si adatta perfettamente la mano dell’utente, i sensori interamente realizzati in tessuto sono il fiore all’occhiello del prodotto. Tutti i segnali dei sensori vengono raccolti e trasmessi al bracciale grazie ad un elettronica dedicata inserita direttamente all’interno del tessuto.

Remidi  . Guanto
Remidi . Guanto

Gli 8 sensori di pressione presenti sul guanto sono facilmente mappabili dell’utente sia attraverso l’app per mobile devices sia  attraverso il bridge per i principali music software presenti sul mercato.

I diversi software offrono due diversi approcci al prodotto e al mondo della musica, partendo dai semplici appassionati di musica fino ai pro-users.

Il bracciale è il centro di controllo: l’hardware contenuto al suo interno permette di tracciare il movimento della mano nello spazio dando all’utente la possibilità di aggiungere effetti, manipolare i suoni e di raggiungere nuovi livelli per le proprie performance.

Cambia l’approccio alla creatività multimediale: l’utente non utilizza più uno strumento esterno al proprio corpo, ma diventa lo stesso lo strumento. Con i gesti ed i movimenti delle mani, si manipolano oggetti, luci e si interagisce con ambienti virtuali.

Per Remidi la creazione musicale è solo il primo passo.

Come nasce il progetto?

Nasce nel settembre 2014 da un’idea di Andrea Baldereschi e dal bisogno di uno strumento che permettesse all’artista di sperimentare nuove forme di espressività integrando l’uso del corpo all’interno della propria performance. Dall’idea al primo prototipo il passo è stato breve grazie all’onboarding nel team di tutte le figure chiave per lo sviluppo del progetto.

Nell’arco di diciotto mesi il dipartimento R&D di Remidi ha fatto grandi salti avanti, consentendo all’azienda di traguardare i primi importanti obiettivi.

A partire dalla selezione tra i finalisti di GoBeyond 2015, i successi sono andati velocemente consolidandosi: a settembre la start-up partecipa al percorso di accelerazione #1 in Europa (LisbonChallenge), per poi ricevere il primo round VC a fine anno. A febbraio 2016 inizia l’avventura a Techstars (Austin, US) acceleratore #1 al mondo ed in parallelo viene lanciata la campagna di raccolta fondi su Kickstarter, completata con successo dopo soli 11 giorni dal lancio.
Tra i riconoscimenti: Gaetano Marzotto Corporate Prize (Milano, novembre 2015) e Wearable Special Prize of the Jury (Parigi, Gennaio 2016)

Il Team di Remidi

Team Remidi

  • Andrea Baldereschi – CEO

Andrea si Laurea in Ingegneria della Produzione Industriale presso il Politecnico di Torino ed ha un percorso formativo che lo ha portato a vivere a Londra, Parigi, Barcellona ed Austin. Da sempre appassionato di musica, ottiene negli anni una grande esperienza come Dj e produttore.

  • Andrea Bulgarelli – CINO

Andrea si Laurea in Ingegneria Meccatronica presso il Po- litecnico di Torino. Durante l’universita` partecipa attivamente ad un gruppo studentesco di ricerca sulla robotica. Collabora per un periodo con Arduino ed il suo fondatore. Nel 2012 fonda 3Dto, primo service di stampa a Torino. Nel 2014 si laurea con una tesi su una mano robotica a basso costo da lui progettata dalla quale nasce l’idea di impresa Looqui s.r.l. con la quale vince diversi riconoscimenti. Da fine 2014 lavora a tempo pieno in Remidi dove si occupa prima della prototi- pazione e poi della ingegnerizzazione del prodotto. Al suoattivo vanta diverse consulenze con aziende e professionisti relative all’ interaction design.

  • Marco Casolati – CMO

Nasce a Torino nel 1988, durante la sua formazione ha la possibilita` di studiare in diversi paesi tra cui Australia e Spagna. Si laurea in Produzione Industriale e passa gli anni dell’universita` tra il Politecnico di Torino e la UIC di Barcel- lona dove ha le sue prime esperienza lavorative. Nel 2014, terminato il percorso di studi, viene assunto nello stabilimento di Maserati Grugliasco, dove lavorerà per due anni applicando le metodologie del WCM alla linea di produzione. Parallelamente inizia il progetto con il Team di Remidi, che lo vede coinvolto a tempo pieno dal 2016.

  • Mark DeMay – CTO

Mark si laurea in Ingegneria Meccanica ed Energetica presso University of North Texas nel 2011. Da cinque anni lavora in Livid Instruments dove tuttora ricopre il titolo di CTO. A partire dal 2016 e` passato a lavorare attivamente a Remidi.

  • Alberto Forneris – PM

Alberto Forneris si laurea in Ingegneria gestionale presso il Politecnico di Torino. Dopo brevi esperienze in grandi aziende multinazionali, approda nel settore della consulenza manageriale dove si specializza nella gestione di progetti complessi per conto di clienti italiani ed internazionali.

 Vuoi Sapere Tutto su Remidi? Clikka qui 

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Pin on PinterestShare on LinkedInShare on Tumblr